L’arte digitale di Giacomo Costa

1167577_474539639321758_1044813396_o

Ho visitato l’esposizione « Photography » organizzata a Monaco dalla galleria Natoli & Mascarenhas e sono rimasto molto colpito dalle opere di Giacomo Costa. L’artista toscano realizza in digitale quadri (ed installazioni) che vengono generalmente inseriti in cornici di buon spessore con all’interno luce bianca diffusa. Il supporto su cui e’ impressa l’opera e’ semitrasparente, cosi’ la luce posteriore filtra ed esalta pieni e contorni dell’immagine rappresentata. Una tecnica di illuminazione importata dalla fotografia che applicata alle sue opere regala una brillantezza unica ai grandi « quadri » esposti.

Ma il punto di forza dell’artista e’ nella tecnica che usa. Tutti i suoi quadri sono realizzati attraverso il rendering di modelli 3d che lui stesso crea, ambienta e texturizza. Si tratta di paesaggi che hanno a che vedere col mare,  la devastazione, la natura, la solitudine e la bellezza e questi elementi sono miscelati con grande gusto, sfruttando la ricchezza di dettagli che solo il rendering di alto livello può creare. Avvicinandosi alle sue opere ci si immerge in un mare sconfinato di particolari, textures, riflessioni e rifrazioni che rapiscono i nostri occhi.

Ho avuto modo di scambiare due chiacchiere col simpatico Costa e chiaramente gli ho posto alcune domande in merito alla tecnica e soprattutto al software di modellazione e rendering usato. Dopo un periodo iniziale in cui ha utilizzato per le sue opere Vue della E-On si e’ ora definitivamente convertito al notissimo e potentissimo Maya (di Autodesk) .

Creare un mondo 3D richiede molto tempo, associare ad ogni modello, anche piccolissimo, la texture corretta e farlo in modo realistico e’ altra attivita’ che richiede grandissima perizia, capacita’ e gusto. Nel caso di Giacomo Costa parliamo quindi di mondi digitali che richiedono davvero tanto tempo e moltissima dedizione (al netto di qualsiasi preset in precedenza creato o di script in grado di automatizzare alcuni processi).

03

Tuttavia riflettevo sulla grande opportunità che questa tecnica e’ in grado di offrire. Il limite di qualsiasi artista « olio su tela » e’ che la sua opera non e’ replicabile se non fotografandola, e questo certamente la rende unica. Ma immaginiamo per un attimo di poter guardare la Gioconda da un’altra angolazione, di poter muovere la telecamera ideale che Leonardo ha fissato all’altezza degli occhi della modella e spostarla un po’ di lato, oppure alzarla e inquadrarla usando una lente fisheye.. Avremmo della stessa opera un punto di osservazione con un risultato completamente diverso ogni volta.

Questo e’ quello che puo’ fare Giacomo Costa con i suoi mondi 3D. Spostando la telecamera digitale di Maya, cambiando le lenti, la profondita’ di campo e l’angolazione e’ in grado di realizzare una nuova opera completamente diversa dalla precedente e nuovamente unica e suggestiva. So gia’ che i puristi storceranno il naso, ma non c’e’ competizione con la pittura analogica perche’ parliamo di due modi separati per via della tecnica usata. Semplicemente si tratta di una nuova, interessantissima e creativa strada.

Riccardo Pizzi (Web Studio 06)

Giacomo costa official site : www.giacomocosta.com

 

Web Studio 06 est le partenaire idéal pour votre projet de communication numérique sur la Côte d’Azur et en Italie. Nous nous occupons de sites Web, de la photographie, de la vidéo, de la 3D, de l’impression sur le papier et des contenus. Cet article a été publié sur le blog de ​​notre site Web que vous pouvez rejoindre ici : webstudio06.com

Riccardo Pizzi

Riccardo Pizzi

founder chez Web Studio 06
Webmaster depuis 1996, il a partecipé la naissance et au développement du Web grâce à son expérience professionnelle dans ce secteur. En 1997, il a fondé l'une des premières agences Web européennes et une société qui est devenue le seul représentant de l'une des premières agences Web américaines ayant débarqué sur le marché européen.
Riccardo Pizzi

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *